Approfondimenti

La Nocciola Piemonte Igp diventa “delle Langhe”

La Nocciola Piemonte Igp delle Langhe è realtà: è stata approvata anche dall’Unione Europea la modifica al disciplinare già varata dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che aggiunge a Nocciola Piemonte Igp il nome “delle Langhe” per le nocciole coltivate sulle colline langarole.

Nocciole

«Finalmente si mette un punto fermo alla nodosa questione per la tutela del nome Langhe» dice Nicoletta Ponchione, vice presidente del Consorzio Tutela Nocciola Piemonte, che ricorda brevemente la vicenda.

«Dopo anni di battaglie giudiziarie e dopo aver vinto un ricorso davanti al Tar del Lazio, facendo togliere il nome Langhe dalla cultivar ovvero dalla pianta “Tonda Gentile”, si trattava di tutelare quel nome in qualche modo affinché nessuno potesse appropriarsene ingiustamente. Così il Consorzio di Tutela Nocciola Piemonte ha richiesto una modifica del disciplinare della “Nocciola Piemonte Igp” introducendo il nome “Langhe” per le nocciole e i prodotti ottenuti con nocciole provenienti esclusivamente dall’areale delle Langhe».

Aggiunge Ponchione: «È stato un lavoro lungo, che ha avuto bisogno dell’approvazione degli enti pubblici ai vari livelli: dalla Regione Piemonte al Ministero delle Politiche Agricole Forestali, per poi approdare sui tavoli dell’Unione Europea. Con il sostegno delle organizzazioni professionali agricole che hanno creduto in questo progetto e del Gal Langhe Roero Leader, possiamo finalmente mettere la parola “inizio” perché da oggi si inizia un nuovo e proficuo percorso per l’ulteriore valorizzazione della Nocciola Piemonte Igp, per l’economia del nostro territorio e per il territorio stesso, in quanto viene stabilito che un nome geografico appartiene a quel territorio e ai prodotti che crescono su quella terra».

nocciole

La nocciola è un prodotto ricercato e di eccellenza: la Piemonte Igp delle Langhe è il 30% della produzione del Piemonte. Nel 2018 la produzione era stata di oltre 85 mila quintali.

Il Consorzio è l’unico ente riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole Forestali per la tutela di un prodotto geograficamente protetto.

È stato organizzato un incontro tecnico a porte aperte nella sede operativa del Consorzio a Castagnito in via Alba n° 15 lunedì 14 ottobre, alle ore 20,30, nel quale verranno illustrate dettagliatamente le modifiche apportate al disciplinare di produzione.

 

Richiesta informazioni

  • Ai sensi del D. Lgs. 196/03, la scrivente VIGNAIOLI PIEMONTESI s.c.a., con sede a Castagnito – Via Alba n. 15 – Partita IVA 01167230059, in qualità di Titolare del Trattamento, La informa di quanto segue:
    Il trattamento a cui saranno sottoposti i Suoi dati personali (a titolo esemplificativo: dati anagrafici, fiscali, nominativi, contabili, ecc.) riguarda finalità strettamente connesse all’attività di competenza della società ed ha lo scopo di svolgere l’attività per la quale la società è controparte nel rapporto in essere, adempiere ad ogni norma di legge esistente, anche in relazione alle incombenze contabili e fiscali. Il trattamento dei dati personali avverrà mediante strumenti idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza, e potrà essere effettuato anche mediante strumenti automatizzati atti a memorizzare, gestire e trasmettere i dati stessi. Il trattamento sarà comunque effettuato in modo lecito, secondo correttezza ed in relazione ai principi di necessità dei dati e di non eccedenza. I dati personali non saranno comunque oggetto di diffusione.
    Per maggiori informazioni scrivi a: info@vignaioli.it.
    Consulta la nostra Privacy policy.