Comunicati stampa

Un’ “isola” di viti piemontesi nasce in Calabria per contrastare la Flavescenza dorata

Progetto sperimentale di Vignaioli Piemontesi per la lotta alla Flavescenza dorata. Coinvolti cinque vivaisti del Piemonte

Un’ “isola” di piante madri per marze da innesto di alcune varietà di vite del Piemonte è nata in Calabria: è un progetto sperimentale ideato e coordinato da Vignaioli Piemontesi, la più grande associazione di produttori d’Italia, impegnata da anni nella lotta contro la Flavescenza dorata. Nella primavera 2014 è stato realizzato un impianto di un ettaro ad Acconia di Curinga, vicino a Lamezia Terme, in collaborazione con il vivaista calabrese Mario Maiorana, attuale vice presidente del Miva (Moltiplicatori italiani viticoli associati).
Coinvolge cinque aziende vivaistiche piemontesi, tutte aderenti a Orme di Vite, marchio che certifica la produzione di barbatelle “Flavescenza free” con trattamento di termoterapia su marze e portainnesto: Fratelli Nicola (Mombercelli, AT), PierPaolo SantaMaria (Ovada, AL) Roberto Parodi (Cremolino, AL), Domenico Cinoglossa (Grognardo, AL) e Pierluigi Scarrone (Fontanile, AT). Le prime marze saranno raccolte in autunno.

Di ritorno da una visita al gemmaio, dov’è stato sancito e regolamentato l’accordo con i Vivai Maiorana, i vivaisti piemontesi discutono sulla scelta dei nuovi cloni da impiantare:

E’ una zona non colpita dalla Flavescenza e dove non vive l’insetto vettore, lo Scaphoideus titanus – spiega Anna Errico, ideatrice di Orme di Vite – Siamo sicuri che le marze che arriveranno in Piemonte per la produzione delle nostre barbatelle saranno sane. La stessa cosa non si può dire con marze prodotte nelle nostre zone dove ormai la malattia è endemica e la pressione del fitoplasma fortissima, anche se la termoterapia è e rimane un valido aiutoLe piante madri sono state realizzate dal Nucleo di Premoltiplicazione Piemontese, in vasetto, e allevate in serra, sotto rete, per evitare ogni possibilità di infezione in vivaioIl “gemmaio” calabrese è il primo esempio di vitigni piemontesi che crescono fuori zona. A Lamezia Terme si sperimentano le varietà più sensibili alla Flavescenza dorata: 3 cloni di Barbera, 2 di Cortese, 2 di Dolcetto, 1 di Grignolino, 2 di Chardonnay. Potrà fornire oltre 400 mila marze che saranno innestate dalle cinque aziende vivaistiche per la produzione delle barbatelle. Si prevede di estendere ulteriormente gli impianti ad altre varietà” conclude Errico.

MARCHIO ORME DI VITE. La certificazione di prodotto a marchio Orme di Vite è stata ottenuta a luglio 2009. Dalla campagna 2009-2010 le barbatelle sono contrassegnate con etichette con il logo Orme di Vite e Sgs-Italia Certificazione di Prodotto. L’etichetta garantisce l’avvenuto trattamento di termoterapia e riporta il lotto di produzione della barbatella.

In terra piemontese si producono ogni anno attorno ai 7 milioni di barbatelle su un totale nazionale di circa 80 milioni. In Italia sono circa 500 le aziende vivaistiche, di queste 150 sono associate al Miva (25 quelle piemontesi).

Richiesta informazioni

  • Ai sensi del D. Lgs. 196/03, la scrivente VIGNAIOLI PIEMONTESI s.c.a., con sede a Castagnito – Via Alba n. 15 – Partita IVA 01167230059, in qualità di Titolare del Trattamento, La informa di quanto segue:
    Il trattamento a cui saranno sottoposti i Suoi dati personali (a titolo esemplificativo: dati anagrafici, fiscali, nominativi, contabili, ecc.) riguarda finalità strettamente connesse all’attività di competenza della società ed ha lo scopo di svolgere l’attività per la quale la società è controparte nel rapporto in essere, adempiere ad ogni norma di legge esistente, anche in relazione alle incombenze contabili e fiscali. Il trattamento dei dati personali avverrà mediante strumenti idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza, e potrà essere effettuato anche mediante strumenti automatizzati atti a memorizzare, gestire e trasmettere i dati stessi. Il trattamento sarà comunque effettuato in modo lecito, secondo correttezza ed in relazione ai principi di necessità dei dati e di non eccedenza. I dati personali non saranno comunque oggetto di diffusione.
    Per maggiori informazioni scrivi a: info@vignaioli.it.
    Consulta la nostra Privacy policy.